Adolescenti insonni? È colpa (anche) dello smartphone

Se gli adolescenti hanno difficoltà a dormire, è colpa anche dello smartphone. Ma non solo. Estendendo il discorso, il professor Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento Neuroscienze e salute mentale dell’ASST Fatebenefratelli – Sacco di Milano, afferma che gli adolescenti stanno vivendo un periodo piuttosto difficile: hanno poco passato, hanno un presente incerto, hanno un futuro di cui non si posseggono tracce. Insomma, navigano a vista, senza guide e senza mappe.

Proprio a causa di questo contesto sempre più intricato, i giovani ricorrono spesso e volentieri alla rete e ai social per poter trovare delle risposte alle tipiche angosce esistenziali, invece che ricorrere alle tradizionali “fonti”, come quelle legate ai genitori.

A sua volta, proprio la necessità di ricorrere in maniera continua alla rete, determina nei più giovani la necessità di una connessione perpetua che toglie al cervello dei ragazzi le pause fondamentali allo sviluppo armonico del proprio centro di comando.

Insomma, se da una parte le tecnologie possono giocare un ruolo importante nello sviluppo dei più giovani, dall’altra parte possono anche pregiudicare positivamente la loro crescita, impattando in maniera evidentemente negativa. Si pensi ai problemi oggetto del nostro titolo, quelli del sonno, legati – come ben noto – all’utilizzo di strumenti elettronici prima di dormire o durante la notte.

Studi su campioni ampi (più di 100 mila ragazzi) hanno trovato infatti una forte correlazione tra disturbi del sonno e utilizzo dello smartphone e social network in ore serali. Gli adolescenti oggi tendono a dorire meno di 6 ore il 10% delle notti, e a 18 anni i 75% dei ragazzi dorme meno di 8 ore, e solo il 3% dorme più di 9 ore…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi