Giappone, inflazione in aumento

Nuovi aggiornamenti dall’inflazione giapponese. Nell’arcipelago, infatti, i dati ufficiali recentemente diramati affermano come l’inflazione al netto degli alimentari freschi a gennaio aumenta a 0,1 per cento su base annua, in recupero da dicembre, quando il valore era negativo per -0,2 per cento su base annua, e per la prima volta in crescita negli ultimi 13 mesi.

Peraltro, gli stessi segnali arrivano dall’indice al netto di alimentari freschi ed energia che aumenta di 0,2 per cento su base annua, mentre il CPI di Tokyo per febbraio segna una correzione, con un calo di -0,1 per cento anno su anno sulla misura al netto di alimentari freschi ed energia.

Sul fronte valutario, il deprezzamento dello yen giapponese dovrebbe potersi gradualmente tradurre in pressioni verso l’alto sull’inflazione nel corso dei prossimi trimestri, spingendo al rialzo la dinamica dei prezzi core. Gli effetti sono tuttavia da aggiornarsi volta per volta, considerato che il mercato valutario nel corso dei prossimi mesi non potrà che subire importanti impatti da quanto accadrà in ambito internazionale (Stati Uniti in primis).

Infine, a completare il quadro dei dati macro economici è giunto il tasso di disoccupazione, che nel corso del mese di gennaio scende dal 3,1 per cento al 3 per cento a fronte di un aumento degli occupati per il secondo mese consecutivo. Infine, sul fronte dei consumi la spesa delle famiglie a gennaio delude le aspettative di consenso (-0,4 per cento anno su anno), con un calo di -1,2 per cento su base annua. Qualche segnale più incoraggiante si legge per il reddito disponibile reale che registra il terzo aumento consecutivo a +0,7 per cento su base annua in gennaio e per la spesa reale che cresce di 0,3 per cento, sempre anno su anno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *