I piatti tipici della cucina toscana

bistecca alla fiorentinaSi sa che l’Italia è un paese conosciuto e apprezzato in tutto il mondo per la sua tradizione gastronomica che spesso si lega indissolubilmente con le storie e con le tradizioni dei diversi territori.

Il nostro paese infatti gode di una posizione e di un clima particolarmente privilegiati che rendono possibile un’infinita varietà di piante e il prosperare di tantissimi alimenti, cosa che non accade per esempio nei paesi del nord.

Una delle regioni più apprezzate al mondo per i suoi paesaggi, per l’arte, ma sicuramente anche per i suoi vini è per la sua cucina è innegabilmente la Toscana.

La Toscana è infatti particolarmente conosciuta per il suo olio dalle caratteristiche fruttate e di indicazione geografica protetta, di cui tutte le fasi di produzione delle olive, la frangitura e l’imbottigliamento devono avvenire nell’ambito del territorio della Toscana.

 

Il vino poi è un altro caposaldo che porta la fama della Toscana in giro per il mondo, con i suoi vitigni eccezionali e le sue varietà tra cui si possono citare il Brunello di Montalicno e la Vernaccia di San Gimignano prodotti nella provincia di Siena, il Carmignano (rosso e vin santo) prodotto nella provincia di Firenze e Prato, il Morellino di Scansano prodotto nella provincia di Grosseto ed infine il più famoso il Chianti di cui ne esistono diverse varietà e tipologie che sono prodotte in tutta la Toscana, di cui tuttavia la più nota è quella del Chianti Classico prodtta nelle province di Firenze e Siena, nell’omonima zona del Chianti.

 

In Toscana poi un altro elemento centrale è il pane che ha sempre ricoperto un ruolo quasi sacrale tanto che il divieto a buttarlo ha fatto nascere numerose e succulente antiche ricette ancora oggi molto diffuse come la panzanella formata da pane raffermo ammollato con il pomodoro, cipolla rossa, basilico il tutto condito con sale olio e aceto; la ribollita che è una zuppa di pane raffermo e verdure, piatto tipico contadino proprio della zona di Pisa, Firenze e Arezzo; la pappa al pomodoro che consiste in una zuppa calda di pane sbriciolato e cotto nella salsa di pomodoro successivamente ad essere stato insaporito con l’aglio; la fettunta, ovvero la classica bruschetta con aglio olio e sale.

Ma quando si parla di Toscana non si può dimenticare di citare la carne come la famosissima bistecca alla fiorentina, ma anche salumi e insaccati come la cinta senese, il prosciutto toscano, la finocchiona ed il lardo di colonnata.

Arrivati dunque al dessert anche qua i dolci non mancano e sono solitamente biscotti molto aromatici come i ricciarelli biscotti senesi a base di mandorle fatti con una pasta tipo marzapane a grana grossa; i cavallucci molto speziati e aromatizzati arricchiti con le noci e già diffusi ai tempi di Lorenzo il magnifico; i cantuccini biscotti alle mandorle  che vengono spesso inzuppati nel vino a fine pasto, ma sono numerosi anche i pani dolci e le torte quali il panforte un pane speziato della provincia di Siena; il castagnaccio, una torta a base di farina di castagne e la Torta co’ Bischeri una torta di pastafrolla ripiena di un impasto di riso e cioccolato.

Se volete avere ulteriori informazioni sulla cucina italiana potete seguire le ultime notizie del blog di Francesco Corallo nel quale spiega e racconta approfonditamente le golosità di questa grandissima tradizione gastronomica.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *