Natale a gonfie vele con le vendite online

nataleSecondo una recente ricerca effettuata da alcune società del settore web, nonostante la crisi il prossimo Natale farà registrare un aumento di vendite online a doppia cifra. Grazie all’utilizzo dei dispositivi mobile ed app varie il settore dell’ecommerce è cresciuto del 15% nel 2014 rispetto all’anno precedente, il picco maggiore di vendite si avrà a Natale con la data del 6 Dicembre come picco assoluto per le vendite (secondo fonti provenienti da ebay).
Quali sono i fattori che comportano una crescita così rapida del settore, sicuramente in primis c’è la passione per l’utilizzo della tecnologia, inoltre la possibilità di poter acquistare liberamente 24 ore al giorno e ricevere la merce direttamente a casa senza dover girare per i negozi, infine sicuramente il fatto di avere accesso a numerosi prodotti non reperibili nelle catene di vendita tradizionali.
Nonostante il grande boom comunque il settore in Italia è in ritardo rispetto ai partner Europei, le aziende Italiane non sono ancora culturalmente e strutturalmente preparate per affrontare questo tipo di mercato, basti pensare che appena il 18% delle aziende Italiane del settore retail hanno l’ecommerce, mentre esiste ancora un 20% che non hanno neanche il sito internet, dati raccrapiccianti  se rapportati al resto d’Europa.
Nel frattempo grandi player stranieri come Zalando ed Amazon stanno già radicando e consolidando la loro presenza in Italia, marketplace come Ebay e lo stesso Amazon hanno un ruolo chiave nel settore ecommerce nel nostro Paese veicolando il 40 % del fatturato nazionale del settore online.
Anche dal punto di vista delle strategie, esistono tecniche come il dropshipping abbigliamento molto consolidate in America e nei paesi anglosassoni ma ancora sconosciute qui da noi, c’è bisogno di informazione e cultura, cultura della rete e delle sue potenzialità, le istituzioni devono avviare un programma di formazione per le piccole e medie imprese che avvii le stesso verso un processo di digitalizzazione ed innovazione, senza abbandonare le tradizioni.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *