Orto fai da te: ecco dove coltivarlo, affittarlo oppure progettarlo

orto-casaRaccogliere l’insalata dal proprio orto è una possibilità che non tutti hanno. Ecco, perchè in molte città c’è la possibilità di affittare direttamente un piccolo lotto di terra per coltivarlo direttamente. Se, però, non sei portata per il giardinaggio puoi sempre “adottarne” uno. E se proprio sei una patita del verde, ma non sai come realizzarlo, ecco chi ti può aiutare. Insomma, l’orto (e i suoi prodotti) lo puoi avere ovunque: ecco come fare.

Insalata fresca, pomodori appena colti e cetrioli a non finire: ortaggi preziosi, ma che necessitano di un terreno da coltivare, e curare. Se in città non puoi permetterti di tenere queste piante, non ti resta che affittare un piccolo spazio proprio fuori casa. Dove?

I luoghi che offrono questa possibilità sono numerosi: a Bologna, ad esempio, Piccoli Campi Verdi permette di affittare orti recintati da 80 mq. Inoltre, c’è sempre la possibilità di seguire corsi di orticultura e di realizzare il concime naturale per i tuoi ortaggi.

A Roma, poi, vi sono due spazi speciali: L’Orto dei Desideri ti permette di coltivare lotti solo con metodi bio, mentre Gli orti biologici di Veio vi permettono di assaporare ciò che avete coltivato in aree prestabilite, e dedicate anche ai bambini.

Al nord c’è Pavia con Gli orti di Via Madonnina, dove ragazzi e nonnini lavorano insieme, coltivando piante e ortaggi. Insomma, c’è solo l’imbarazzo della scelta! Ma non è finita qui: se l’orto non fa per te, ma ami i prodotti freschi puoi mangiare a km zero. Ecco i luoghi dove puoi andare senza nessun impegno.

Vicino a Milano (siamo a San giuliano Milanese) Cascina Santa Brera ti insegna a coltivare e raccogliere, mentre a Cisliano (Cascina Forestina) paghi solo quello che raccogli nei campi. Ma non dobbiamo dimenticare Arezzo, Ladispoli e il network che copre la Lombardia, il Piemonte e il Lazio.

Insomma, puoi scegliere di fare l’orto sotto casa. Ma se proprio non ne hai la possibilità, allora ti conviene affittare un piccolo lotto, oppure andare a raccogliere nelle campagne vicine!

One Response
  1. giovanni lazzari 5 gennaio 2016 Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *