Come non cadere nelle tentazioni

writing-828911_1920Cadere nelle tentazioni è un problema molto comune tra i lavoratori e, in generale, tra tutte quelle persone che non dovrebbero procrastinare e che, invece, alla fine finiscono nel cedere a questo problema.

Per saperne di più su come funziona questo meccanismo e su come reagire con piano d’azione, immaginiamo la storia di Carlo.

Carlo lavora da casa e sta cercando di concentrarsi sulla scrittura di un libro per uno dei suoi clienti. La data di scadenza si avvicina rapidamente e teme di non riuscire a rispettare la scadenza. Anche se sta lavorando diligentemente al progetto, l’argomento è più difficile di altri suoi temi. Inoltre, si distrae ogni volta che sente il telefono. Sente di dover rispondere, anche quando si tratta di un messaggio sui suoi account personali di social media.

Carlo ha cercato di ignorare il telefono mettendo la suoneria e le notifiche in modalità silenziosa, ma si è ritrovato a controllare il telefono ogni cinque minuti, preoccupato di perdere un messaggio importante da un cliente. Ha anche provato a posizionare la sua app di lavoro su un suono di notifica diverso e a prestare attenzione a questo tono di notifica solo durante le ore di lavoro, ma si è ritrovato comunque a controllare il telefono. Ha altresì provato a lasciare il telefono in una stanza separata per sfruttare il concetto “lontano dagli occhi, lontano dal cuore“, ma si è comunque ritrovato a controllare il telefono ogni 15 minuti.

Quindi, per eliminare la tentazione di controllare il telefono, Carlo ha anche scaricato la sua app di lavoro sul computer. Poi ha spento il telefono e lo ha collocato in un’altra stanza. All’inizio pensava di controllare il telefono e si avvicinava per accenderlo ogni mezz’ora. Tuttavia, dopo un paio di giorni, Carlo ha iniziato a tenere il telefono spento e lontano da lui mentre lavorava. È passato dal controllare il telefono ogni mezz’ora a una volta all’ora. Ben presto, controllava il telefono solo durante le pause.

Insomma, come avviene per la maggior parte di noi, Carlo ha lottato per eliminare le tentazioni che gli impedivano di lavorare. Le tentazioni sono una delle ragioni principali della procrastinazione, ed è difficile eliminarle, poiché ciò comporta una forte autodisciplina!

Insomma, liberarsi dalle tentazioni è talvolta la parte più difficile per superare la procrastinazione e sviluppare l’autodisciplina. Le tentazioni possono essere come le voglie di cibo per il suo cervello: deve averle. Per questo motivo, può trattare le tentazioni che la inducono a procrastinare come una voglia.

Ad esempio, si può limitare il suo accesso. Questo è ciò che Carlo ha fatto quando ha spento il suo telefono e lo ha collocato in un’altra stanza. In questo modo ha pensato due volte se fosse davvero necessario smettere di lavorare, alzarsi, camminare verso il cellulare, accenderlo e aspettare per poterlo controllare. Se la sua tentazione è guardare la televisione quando dovrebbe lavorare, può posizionare i telecomandi da qualche parte, in modo che sia più difficile accendere la televisione. Può anche lavorare in un’area dove non c’è la televisione.

Un altro modo per liberarsi dalle tentazioni è utilizzare la regola dei 15 minuti. Si impegna a non permettere a se stesso di cedere alla tentazione per 15 minuti. Il metodo di questa regola è che, una volta trascorsi i 15 minuti, il cervello non è più concentrato sulla tentazione e continua a lavorare sul suo progetto.

Imparare a dire di no

Una delle parole più difficili da dire per molte persone è “no“. Spesso ci si sente in colpa a dire a qualcuno che non può aiutarlo con un compito o si ritiene di dover avere un motivo per dire di no. Innanzitutto, non ha mai bisogno di un motivo per dire ‘no’, perché questa parola è una frase a sé stante. In secondo luogo, non ci si deve mai sentirsi in colpa se si mette al primo posto e sa cosa può o non può gestire.

Quando si tratta di una tentazione, dire di no è diverso: non si sta dicendo di no a un’altra persona! Molto probabilmente, invece, stai dicendo di no a te stesso. Dovrebbe essere più facile, vero? No. In realtà, può essere più difficile dire di no alle proprie tentazioni che a un’altra persona.

Uno dei modi per dirsi di no è concentrarsi sulla differenza tra “non voglio” e “non posso”. La differenza è la mentalità, quando si tratta delle due frasi. Quando dici “non voglio”, implichi che scegli di non fare qualcosa. Quando dici “non posso”, senti che c’è un’altra forza che ti impedisce di prendere una decisione, e questo può indurti a cedere di più alla tentazione. In altre parole, dire “non voglio” ti dà più potere sulla situazione.

Ad esempio, stai aumentando la quantità di tempo in cui fai esercizio fisico ogni giorno. Ti ritrovi a dire: “Non posso fare altri 10 minuti perché sono troppo dolorante e stanco”. Invece di dire questo, prova a dire: “Non sono il tipo di persona che termina l’allenamento in anticipo”, cioè non terminerà l’allenamento in anticipo. Se ti ritrovi a dormire fino a tardi la mattina, prova a dire che non sei il tipo di persona che dorme fino a tardi, perché sa che è una perdita di tempo.

Piano d’azione

Ci sono molte strategie che puoi seguire quando crea un piano d’azione per superare le tue tentazioni.

Proviamo a valutare le principali:

  • fissare una data. È importante fissare una data per concentrarsi sull’evitare le tentazioni. Fissare una data ti aiuta a prepararti per il cambiamento della tua routine o prepara la tua mente a sapere che si concentrerà per evitare la tentazione a partire da una certa ora. Quando stabilisci un orario, avrai più successo nei tuoi sforzi
  • scrivi i motivi. È più probabile che tu possa resistere alla tentazione se capisci perché vuoi evitarla. Ad esempio, Carlo ha deciso di evitare il suo telefono perché lo faceva rimanere indietro nel lavoro. Non si concentrava quando scriveva perché era sempre attento a quando il telefono emetteva un segnale acustico
  • visualizza il risultato finale. Immagini di riuscire ad evitare la tentazione. Ad esempio, Carlo ha immaginato di migliorare il suo flusso di lavoro e di non doversi preoccupare di chiedere proroghe per le sue scadenze, perché poteva concentrarsi sul suo lavoro invece che sul telefono

Cosa fare quando la tentazione aumenta? Ci sono alcune tentazioni che non possono essere eliminate completamente dal suo ambiente. In questo caso, devi avere un piano su cosa fare se la tentazione aumenta e pensi di cedere.

Ad esempio, puoi trovare qualcosa di diverso da fare. Se senti di pensare alla tentazione perché hai bisogno di una pausa dal tuo compito, prenditi una pausa ma fai qualcosa di diverso. Carlo sta cercando di stare lontano da Netflix durante il giorno, perché non riesce a guardare un solo episodio della sua serie televisiva preferita. Questo lo porta a rimanere indietro con il lavoro. Pertanto, quando ha bisogno di una pausa, decide di fare una breve passeggiata o di leggere il suo libro invece di guardare Netflix!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi