Come scegliere i pannelli fonoassorbenti

acoustics-2467025__340Rendere l’ambiente domestico, o le stanze dell’ufficio, più piacevoli migliorandone l’isolamento acustico, è oggi possibile in modo molto semplice grazie ai pannelli fonoassorbenti, che catturano le onde sonore e minimizzano gli echi indesiderati all’interno della stanza. Prima di procedere all’acquisto, ci sono tuttavia alcune valutazioni da fare per cui è necessario saperne di più in merito.

 

Per abbassare i livelli di rumore in un qualsiasi ambiente significa rendere più semplice la comunicazione, non sentire il rumore della folla o del traffico esterno e portare l’inquinamento acustico generale ad un livello inferiore dal punto di vista dei decibel. In poche parole, i pannelli fonoassorbenti servono per rendere il vostro spazio più confortevole e piacevole.

 

Investendo nei suddetti pannelli si può dunque elevare l’utilità e la funzionalità di ogni stanza, ma importante è scegliere quelli giusti che dovrebbero corrispondere alle vostre esigenze di insonorizzazione e riduzione del rumore. Con un trattamento adeguato, i pannelli fonoassorbenti riducono tra l’altro i tempi di riverbero all’interno di una stanza, ripristinando una maggiore chiarezza con meno interferenze sullo sfondo.

 

I pannelli acustici sono prodotti che possono essere utilizzati per controllare la qualità del suono di diversi spazi, e vanno classificati in tre categorie in base alle loro proprietà di assorbimento e diffusione. Per comprenderle a fondo è però necessario conoscerne le differenze fondamentali tra assorbimento e diffusione.

 

L’energia sonora che colpisce una superficie può essere trasmessa, assorbita o riflessa; la quantità di uno di queste condizioni dipende dalla proprietà acustica della superficie. I pannelli fonoassorbenti vengono utilizzati proprio per ridurre i livelli di rumore in una stanza assorbendo anche l’energia sonora. Un esempio di un corretto utilizzo è nelle sale da concerto dove c’è un requisito fondamentale che si chiama silenzio assoluto. Se volete approfondire l’argomento, per capire in modo piu’ dettagliato il funzionamento di questi rivestimenti, trovate un interessante articolo all’indirizzo https://pannellifonoassorbenti.net

 

 

Scegliere dei pannelli fonoassorbenti standard

 

Alcune delle caratteristiche principali che devono essere prese in considerazione durante la scelta di un pannello fonoassorbente per la progettazione sono: la categoria (assorbitore o diffusore), finitura del prodotto, costo, durata e, soprattutto NRC. Questo acronimo fa riferimento al coefficiente di riduzione del rumore ossia una valutazione media della quantità di suono assorbita dal prodotto.

I valori nominali NRC vanno da 0 a 1 dove il primo sta per assorbimento zero (o la riflessione completa), mentre il secondo quello totale.

 

Fatta questa importante premessa, di seguito è riportato un elenco di pannelli fonoassorbenti con le rispettive descrizioni che possono ritornare utili al fine di scegliere quelli maggiormente adatti per gli ambienti domestici o commerciali da insonorizzare. I primi tipi di pannelli fonoassorbenti sono in cartongesso dove gli intonaci hanno proprio queste proprietà, e in genere utilizzati quando è necessario creare ad esempio pareti curve o soffitti oppure non è possibile realizzare dei controsoffitti aggiuntivi. Gli intonaci acustici consentono di ottenere il pannello con un’applicazione omogenea e lo rendono particolarmente adatto per spazi in cui vi è un vincolo per l’altezza della stanza.

 

Questi sono solitamente disponibili in una tonalità bianca standard, ma possono essere colorati o verniciati per soddisfare i requisiti estetici. L’intonaco può essere applicato sulla superficie con una cazzuola o anche spruzzato a seconda del prodotto da utilizzare come finitura. La scelta di posare pannelli fonoassorbenti in cartongesso è l’opzione più semplice ed economica per insonorizzare qualsiasi ambiente.

 

L’applicazione su pareti e soffitti può avvenire direttamente oppure tramite dei telai distanziatori che creano di conseguenza delle intercapedini che si possono poi riempire con lana di roccia o poliuretano espanso al fine di ottimizzare la riduzione del rumore, e nel contempo rendere la parete migliore anche dal punto di vista termico o minimizzare l’umidità di risalita.

 

Valutare l’estetica dei pannelli fonoassorbenti

 

I pannelli metallici vengono anch’essi molto utilizzati ed in particolare incapsulati in altri fonoassorbenti acustici come ad esempio il legno. Questa combinazione di metallo e materiale assorbente è particolarmente utile in luoghi dove la durabilità e l’estetica sono necessarie insieme al massimo assorbimento del rumore.

 

I pannelli metallici acustici sono comunemente usati nelle palestre, nelle aree industriali di fabbricazione, negli aeroporti e nelle sale da concerto tanto per citarne alcuni. L’estetica è dunque un altro fattore da valutare prima di procedere alla scelta dei pannelli fonoassorbenti.

 

Sempre in riferimento alla finitura, va altresì aggiunto che anche per il soffitto ci sono dei pannelli fonoassorbenti particolari. Nello specifico si tratta di quelli perforati con micro-fori da 0,5 mm percepibili solo a distanza ravvicinata (+/- 250.000 fori / m²) e laminati (un substrato MDF spesso 16 mm).

 

L’estetica del legno in tal caso è preservata e nel contempo questa tipologia offre alte prestazioni di assorbimento acustico.

 

 

Optare per pannelli fonoassorbenti ecologici

 

I pannelli fonoassorbenti oggi sono considerati i più ecologici di tutti e soprattutto riciclabili. Per questo motivo la scelta può essere quella appropriata tenendo conto che ce ne sono anche altri diversi da quelli standard come ad esempio la tipologia realizzata con lana di legno, cemento e acqua. Insieme questi componenti naturali forniscono molte caratteristiche funzionali di fonoassorbenza.

Le opzioni di scelta sono tra l’altro molte; infatti, sul mercato si possono reperire in 5 modelli ossia trapuntato, a quadretti, a righe, a righe diagonali e con una raffinata texture in legno tutti progettati per infinite combinazioni atte a salvaguardare l’estetica di un interno sia esso un’abitazione o un ufficio. In questo caso si tratta di pannelli fonoassorbenti che hanno un costo maggiore per cui l’acquisto è subordinato al budget a disposizione e al tipo di design che si intende impostare.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi