L’importanza degli occhi nella comunicazione non verbale

Gli occhi sono stati spesso descritti come lo specchio dell’anima. E quando si analizza il linguaggio del corpo, o la comunicazione non verbale, gli occhi possono rivelare molte informazioni su ciò che una persona sta pensando. Sono molto utili da osservare quando si osservano altre persone che interagiscono. Gli occhi possono trasmetterci molte informazioni attraverso il loro movimento quando sono accompagnati da altri movimenti del corpo.

Quando due persone si incontrano e stabiliscono un contatto visivo, si trovano in una situazione insolita. Vogliono guardarsi, ma allo stesso tempo vogliono anche distogliere lo sguardo. Questo può risultare in una serie di movimenti oculari complessi. Quando incontriamo qualcuno per la prima volta, stiamo letteralmente valutando l’altro, stiamo cercando di scoprire se qualcuno è un amico o un nemico. Vogliamo anche scoprire se quello che sta dicendo è interessante e vantaggioso per noi e se lo troviamo attraente o meno. Se osservate attentamente, vedrete questo processo svolgersi.

Le regole di questo comportamento di sguardi sono complicate. Se teniamo il loro sguardo troppo a lungo, questo può creare l’impressione sbagliata. Se non lo teniamo abbastanza a lungo, allora anche questo può avere un effetto negativo.

Gli ipnotisti sono consapevoli del potere di mantenere il contatto visivo per molto tempo. Molti hanno perfezionato l’arte dello sguardo ipnotico per ipnotizzare le persone. Molti di noi avranno avuto l’esperienza di qualcuno che tiene lo sguardo un po’ troppo a lungo. Avremo anche sperimentato l’opposto di qualcuno che non tiene lo sguardo abbastanza a lungo e i cui occhi sfrecciano dappertutto.

Se siamo attratti da qualcuno abbiamo questo conflitto di voler guardare qualcuno che troviamo attraente, tuttavia, abbiamo anche la sensazione di non volerlo rendere evidente.

Pensate a un giovane ragazzo e una giovane ragazza che sono molto timidi. Possono essere attratti l’uno dall’altra, ma passano molto tempo ad evitare il contatto visivo. Possiamo osservare molti sguardi verso il pavimento. Quando parlano c’è spesso un contatto visivo limitato. Ci sono due emozioni in gioco qui. C’è un conflitto tra la paura e l’attrazione che sentono l’uno per l’altro. Spesso gli sguardi di lato accompagneranno questo incontro piuttosto che il contatto visivo diretto. Quando l’attrazione reciproca si trasforma in amore, allora la paura del rifiuto e la timidezza si dissolvono. Gli amanti alla fine si avvicinano fisicamente e si guardano profondamente negli occhi, spesso per lunghi periodi. Il fatto che tu possa identificarti con questo esempio e abbia creato un’immagine mentale, significa che devi esserne stato consapevole. Questo esempio illustra che non solo guardiamo ciò che ci piace, ma ci muoviamo anche verso ciò che ci piace.

Un occhio di riguardo

Diamo un’occhiata a cosa succede al contatto visivo quando abbiamo a che fare con lo status. Potreste aver incontrato l’espressione “eyeballing” nelle vostre letture, e possiamo averne un esempio quando guardiamo i pugili che si fissano a distanza ravvicinata prima di un combattimento. Mantenere uno sguardo è un segno di dominanza e quello che distoglie lo sguardo può spesso cedere il potere.

Guardiamo un esempio di sguardo nel comportamento quotidiano. Pensate a una situazione in cui un capo è scontento del comportamento o delle prestazioni di un dipendente. Il capo mantiene il contatto visivo con il dipendente e lo affronta. Il dipendente inizia a giustificarsi. Il capo continua a fissare il dipendente. Il dipendente non è in grado di mantenere lo sguardo e spesso abbassa lo sguardo o lo allontana in segno di sottomissione. Il dipendente sta letteralmente “perdendo la faccia”. Il contrario è quando sentiamo le persone dire che vogliamo permettere loro di “salvare la faccia”.

Le espressioni spesso riflettono gli aspetti fisici del comportamento. Nell’esempio di cui sopra, il capo potrebbe dire: “Ti terrò d’occhio”. Oppure può dire “ti terrò d’occhio molto attentamente” in futuro. Il linguaggio vi sta letteralmente dicendo cosa sta per fare.

Sguardi di lato

Mantenere uno sguardo una frazione troppo lunga può essere un’indicazione di trovare un’altra persona attraente. Se siamo in un incontro sociale possiamo trovare qualcuno attraente. Non vogliamo mostrare espressioni facciali e comportamenti lascivi, ma potremmo voler tenere lo sguardo di qualcuno un po’ più a lungo.

È vero anche il contrario. Se c’è qualcuno che non troviamo attraente o che non ci piace, allora cerchiamo di nascondere qualsiasi espressione facciale e corporea che potrebbe indicare questo. Una conseguenza di ciò è che tenderemo a guardare la persona sempre meno. Le frasi sono spesso molto vere. Vi sarà capitato di sentire qualcuno dire: “Non riuscivo a sopportare nemmeno di guardarlo”. Questo si traduce in “guardarlo mi provoca disagio”. La maggior parte delle persone vuole allontanarsi dal disagio verso il piacere. Noterete che se non piacete a qualcuno, o non gli piace quello che state dicendo, vi guarderà meno. Questo diventa più evidente quando le emozioni aumentano.

In queste condizioni più moderate, le emozioni possono essere controllate e la manifestazione esteriore dell’emozione è ridotta. Possiamo vedere che i sorrisi, per quelli acuti di occhio, sono sorrisi falsi. Vi sarà probabilmente capitato di sentire la gente dire: “È così falsa”. Ebbene, questa è una risposta inconscia. La gente spesso trova difficile analizzare esattamente perché qualcuno è falso. Dicono solo che c’è qualcosa in loro. Si può anche vedere il cenno del capo che accompagna il sorriso mentre si cerca di apparire congruenti. I sorrisi sono più facili da fingere. Abbiamo più controllo e consapevolezza su di essi rispetto ai nostri sguardi. Possiamo non essere consapevoli del cambiamento dei nostri sguardi. Tuttavia, gradualmente la quantità di tempo che passiamo a guardare una persona che non ci piace diminuisce. La brevità dello sguardo rivela il gioco.

Allenarsi a guardare gli occhi

Piuttosto che guardare il sorriso e l’annuire, guarda gli occhi per un indizio. I movimenti di sguardo sono importanti e il bianco degli occhi lo rende più evidente. Abbiamo l’espressione “fissare il bianco degli occhi”.

Potete affinare la vostra consapevolezza notando le persone che si impegnano nella conversazione e vedere la caratteristica danza degli occhi. La gente inizialmente vi guarderà. Poi distoglieranno lo sguardo e in molti casi, stanno accedendo a diverse parti della loro realtà interna. Questo continua fino a quando la conversazione viene riconsegnata alla persona originale. Questo avviene attraverso il ritorno dello sguardo su di loro per un breve periodo. È la durata di questo ritorno di sguardo che dà degli indizi.

Per cercare altri indizi con il comportamento dello sguardo, pensate all’espressione “sembrava un po’ sfuggente”. Questo spesso trasmette qualcuno che non può tenere lo sguardo e ha gli occhi sfuggenti, ritornando al principio di base dei pensieri interiori che vengono trasmessi nell’espressione esterna.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi