Salute cardiovascolare, gli effetti dei tumori nel breve e lungo termine

Un nuovo studio internazionale ha scoperto che circa il 35% degli americani che ha attraversato il cancro aveva un rischio elevato di malattie cardiovascolari nel successivo decennio, rispetto a circa il 23% di coloro che non avevano contratto il cancro.

Sulla base di un calcolatore di rischio che stima le possibilità a 10 anni di una persona di sviluppare malattie cardiache o ictus, i ricercatori della Ohio State University hanno dunque scoperto che il rischio medio stimato a 10 anni per un sopravvissuto al cancro era di circa l’8%, rispetto al 5% per coloro che non avevano una familiarità con tale patologia.

I fattori di rischio

Sappiamo che l’obesità, il cancro e le malattie cardiovascolari condividono alcuni fattori di rischio comuni, e oltre a questi fattori di rischio condivisi, i pazienti con cancro ricevono anche trattamenti tra cui radiazioni e chemioterapia che possono influenzare la loro salute cardiovascolare – noi la chiamiamo cardiotossicità”, ha dichiarato il ricercatore principale Xiaochen Zhang, un candidato di dottorato nel College of Public Health di Ohio State.

Tuttavia, questi rischi possono essere sottovalutati o mal compresi, portando Zhang e altri ricercatori a sollecitare passi per aumentare il riconoscimento tra i fornitori di assistenza sanitaria e i loro pazienti.

La buona notizia è che stiamo diventando molto bravi a trattare il cancro e abbiamo più sopravvissuti, ma dobbiamo iniziare a pensare con più attenzione ai rischi non-cancro dopo una diagnosi, uno dei quali è la malattia cardiovascolare“, ha aggiunto l’autore senior dello studio Ashley Felix, professore associato di epidemiologia presso la Ohio State.

La tutela dei pazienti

Non vogliamo che le persone sopravvivano al cancro solo per morire prematuramente di malattie cardiache o ictus, quindi dobbiamo assicurarci che i pazienti di cancro, e il loro team di assistenza sanitaria, sono consapevoli di questo rischio aumentato” – si legge nello studio.

I dati utilizzati nell’analisi provengono dal National Health and Nutrition Examination Survey condotto dai Centers for Disease Control and Prevention. Il campione rappresentativo a livello nazionale di persone intervistate dal 2007 al 2016 dovrebbe fornire un buon quadro del rischio elevato per i sopravvissuti al cancro negli Stati Uniti, hanno detto i ricercatori.

Per questa analisi, i ricercatori hanno esaminato i dati forniti da 15.095 adulti di età compresa tra 40 e 79 anni senza storia di malattia cardiovascolare. Quasi il 13% ha riportato di aver avuto il cancro.

Uno dei punti di forza di questa ricerca è la grande dimensione dello studio, che ha permesso l’analisi basata sul tipo di cancro e per gruppo di età. I sopravvissuti ai tumori del testicolo, della prostata, della vescica e del rene avevano un rischio di malattia cardiovascolare a 10 anni particolarmente alto, così come quelli nei loro 60 anni.

Le conclusioni

Ebbene, quando i ricercatori hanno confrontato i singoli fattori di rischio di malattia cardiovascolare dallo stato del cancro, hanno trovato che l’età più avanzata, più alta pressione sanguigna sistolica e una storia personale di diabete erano più comuni nei sopravvissuti al cancro.

Se continuiamo a vedere l’aumento dell’incidenza del cancro tra gli adulti più giovani, possiamo aspettarci di vedere un carico maggiore di malattie cardiovascolari tra questi individui – i nostri studi futuri devono andare in quella direzione“, hanno poi dichiarato gli studiosi, soffermandosi sul fatto che la buona notizia è che gli individui più giovani hanno molto tempo per apportare modifiche allo stile di vita che potrebbero spostare il loro rischio cardiovascolare in una direzione positiva. Oltre a monitorare attentamente i sopravvissuti al cancro per le malattie cardiovascolari – e renderli consapevoli del rischio elevato – gli operatori sanitari hanno dunque l’opportunità di guidare i pazienti verso interventi che possono abbassare il loro rischio.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi