Dimagrire: come cambiare la propria dieta per riuscirci

3 mini-frigo-da-4-litri-300x300Quando ci si mette a dieta, la maggior parte di noi sembra desiderare un cibo che – guarda un po’! – sembra proprio mancare nella stessa dieta che si sta seguendo. Anni e anni di tentativi di trovare un’unica causa per l’obesità hanno portato le persone a supposizioni sbagliate, come pensare che tutti abbiano a che fare con tanti cibi che pensiamo siano cattivi, e cerchiamo di ridurre al minimo nella nostra dieta.

Ebbene, anche se alcuni alimenti sono intrinsecamente peggio di altri (diciamo oli vegetali raffinati contro verdure verdi) e siamo abbastanza intelligenti da sapere e mantenere una dieta equilibrata di alimenti ricchi di nutrienti, quando il desiderio di abbuffata e di gusto ci colpisce, allora tutte le scelte razionali che faremmo sono lanciate fuori dalla finestra. E, si intende, finiamo sempre con il mangiare semplicemente quello che vogliamo, senza pensare una seconda volta ai benefici o ai problemi di salute.

Uno sguardo dettagliato sui propri episodi trascorsi di abbuffate però, può dire molto sulla propria dieta e su come costruirla. I seguaci di una dieta a basso contenuto di carboidrati sembrano infatti abbuffarsi di cibi ad alto contenuto di carboidrati e negli anni ’80, quando il basso contenuto di grassi era il must, la gente si abbuffava di cibi grassi. Quindi riconoscere che la propria dieta è a basso contenuto di grassi può portare, in realtà, molto lontano.

Se vuoi qualche consiglio per migliorare la tua dieta, prova a dare un’occhiata ai tuoi episodi di abbuffata più recente e poi dai un’occhiata alla tua dieta quotidiana. Mangi involontariamente meno di un certo gruppo di alimenti e poi mangi troppo dello stesso gruppo di alimenti? Se sì, questo dovrebbe essere un segnale per te per cercare di aggiungere un po’ più di quel gruppo di alimenti nella tua dieta. Pensaci, preferiresti abbuffarti con 2 chili di cioccolato una volta ogni tanto e sentirti malissimo perché nella tua mente hai fatto qualcosa di brutto, o preferiresti mangiare un pasticcino una volta ogni 2-3 giorni, per mantenere la tua mente in pace?

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi