Mal di denti, dalla diagnosi alla cura

Il mal di denti è un fastidioso pregiudizio per la nostra salute orale. I principali segni e sintomi che possono indicare un problema ai denti sono numerosi, ma facilmente riconoscibili. Si considerai il dolore nel mordere o masticare, l’ipersensibilità dei denti ai cambiamenti di temperatura, il gonfiore della guancia o delle gengive vicino al dente, il sanguinamento delle gengive, le pulsazioni costanti all’interno di un dente. Il mal di denti può presentarsi come un dolore sordo o acuto che può insorgere spontaneamente da solo o per stimolazione.

Altri sintomi possono includere mal di testa, dolore al collo, mal d’orecchi, febbre, cattivo gusto o odore in bocca.

La diagnosi

Il dentista esegue una serie di test diagnostici insieme alle radiografie dentali per determinare l’origine del mal di denti. Questi test cercano di simulare ciò che può causare il dolore, come gli stimoli freddi, la pressione di mordere o masticare e la pressione delle dita sulle gengive. La risposta a un test di stimoli freddi può aiutare a determinare se un dente è vitale (il nervo è intatto nel dente) o se soffre di pulpite (infiammazione della polpa). Determinare la durata e l’acutezza del dolore da stimoli freddi può aiutare a diagnosticare e determinare il trattamento.

Come si cura il mal di denti?

Il trattamento del mal di denti dipende dalla causa del dolore e dall’entità del danno presente. In generale, il modo migliore per fermare un mal di denti è che il dentista rimuova qualsiasi infezione o carie presente e ripari il danno per proteggere le aree esposte e sensibili. Per una carie poco profonda su un dente, il dentista rimuove la carie e sigilla il dente con un’otturazione. Se la carie è molto profonda e arriva alla polpa, il dentista esegue un “trattamento canalare” perché la polpa è stata esposta e infettata dai batteri. Questa procedura rimuove essenzialmente tutto il contenuto vitale del dente (nervi e vasi sanguigni) e sigilla gli aspetti interni del dente (sistema canalare) con un materiale inerte di riempimento.

Un ascesso che ha un’infezione molto localizzata di solito ha bisogno di un trattamento canalare con terapia antibiotica. Se l’infezione è diventata diffusa, potrebbe essere necessaria una terapia antibiotica e ulteriori misure per drenare correttamente l’infezione. I dentisti spesso prescrivono farmaci antidolorifici per gestire il dolore. A volte l’estrazione del dente può essere l’unica opzione di trattamento se il dente o la gengiva e l’osso circostante sono troppo danneggiati.

Per un ascesso parodontale, un dentista esegue una semplice procedura di drenaggio in anestesia locale. Inoltre, un dentista pulisce accuratamente la tasca gengivale interessata per rimuovere qualsiasi accumulo di tartaro e detriti. Una volta pulita, la tasca viene irrigata con un risciacquo antimicrobico contenente clorexidina. A volte, gli antibiotici vengono somministrati localmente nella tasca per aiutare ulteriormente la guarigione. A seconda dell’estensione dell’ascesso, il dentista può prescrivere antibiotici per via orale. Inoltre, a breve termine, il dentista può prescrivere un colluttorio a base di clorexidina per aiutare la guarigione. L’area dovrebbe essere tenuta pulita con uno spazzolamento delicato dei denti e risciacqui con acqua calda. Si raccomanda una visita di controllo per assicurarsi che l’infezione si sia completamente risolta e sviluppare un piano per mantenere correttamente l’area.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi