Perché è utile praticare la consapevolezza?

Una volta che inizierai a praticare la consapevolezza (mindfulness), scoprirai che il mondo non ti passerà più davanti e sarai più consapevole di te stesso: i pensieri che stai pensando, le sensazioni fisiche nel tuo corpo, le emozioni che stai provando.

Sarai anche più consapevole di ciò che succede intorno a te; sarai partecipe, coinvolto e impegnato nella vita. Ma quali sono i vantaggi? Proviamo a riepilogarli, punto per punto.

Ridurre il dolore emotivo

Pensi di passare molto tempo a pensare al passato? Potrebbe essere il passato lontano – cose che hai fatto, o cose che ti sono successe. O potrebbe essere il passato più recente – la discussione che hai avuto con i tuoi genitori l’altro giorno, o il voto che hai preso a un esame. Se passi molto tempo nel passato, pensa per un momento alle emozioni che tendono ad emergere quando sei lì. Rabbia? Risentimento? Frustrazione? Rimpianto? Tristezza?

A volte potresti scoprire che vai a ricordi piacevoli, come il divertimento che hai avuto con i tuoi amici lo scorso fine settimana o quando sei stato in vacanza con la tua famiglia durante l’estate. Ma per la maggior parte, tendiamo a non andare in luoghi felici; invece, andiamo ai ricordi dolorosi.

D’altra parte, pensi di passare molto tempo a pensare al futuro? Preoccupandoti se entrerai nell’Università che vuoi frequentare; preoccupandoti se la ragazza che ti piace ti dirà di sì se le chiederai di uscire; preoccupandoti di fare una figuraccia se andrai in un locale esclusivo questo fine settimana, e così via.

Di nuovo, a volte quando pensiamo al futuro proviamo emozioni piacevoli. Forse sogni ad occhi aperti il viaggio negli USA che hai prenotato per gennaio, o pensi a quanto sarà bello quando troverai un nuovo lavoro. Ma la maggior parte delle volte, invece di pensare alle cose piacevoli, ci concentriamo sul negativo, e questo genera ansia e preoccupazione.

Insomma, quando non si vive nel momento presente, c’è più dolore emotivo. Naturalmente, anche il presente non è sempre piacevole. Ma se sei più attento, anche quando c’è dolore nel presente c’è meno dolore, perché stai affrontando solo il dolore del presente, piuttosto che il dolore del presente, del passato e del futuro tutti insieme.

L’accettazione, l’altra parte della consapevolezza, riduce la quantità di dolore emotivo nella tua vita.

Aumentare le emozioni positive

Finora ci siamo concentrati su come la consapevolezza aiuterà a ridurre le emozioni dolorose; ma è altrettanto importante che quando sei più attento e ti risvegli nella tua vita, sarai più spesso nel momento presente per notare quando accadono cose positive.

Immagina questo: sei in un bel locale e hai chiesto alla ragazza che ti piace di venire con te e lei ha detto di sì, ma ora sta socializzando con altre persone invece di stare seduta con te. Così cominci a preoccuparti che non le piaci veramente; forse ha accettato di venire con te solo perché nessun altro glielo ha chiesto. Potresti iniziare a preoccuparti, per esempio, che lei ti scaricherà e tu farai la figura dell’idiota. Cosa succede in questo scenario?

Beh, probabilmente non ti stai divertendo molto. Potresti perderti della buona musica perché sei così preso dai tuoi pensieri che non ti accorgi nemmeno di cosa stanno suonando. Probabilmente ti stai perdendo dei bei momenti con i tuoi amici. Forse normalmente balleresti, ma ti senti troppo ansioso per muoverti e rimani sulla tua sedia, il che, naturalmente, potrebbe avere altre conseguenze – forse il tuo appuntamento sarebbe venuto a ballare con te se ti fossi alzato, ma hai perso questa opportunità perché eri troppo preso dalle tue preoccupazioni.

Per quanto possa essere difficile a volte, quando puoi essere attento e concentrarti sul momento presente, scoprirai che noterai di più gli aspetti positivi. Quindi, se hai continuato a distogliere la tua attenzione da quei pensieri di preoccupazione, avresti potuto sentire qualcuno al tuo tavolo che parlava di quanto ama le moto, e avresti potuto avere una grande conversazione sulle moto, che è una delle tue passioni. Oppure avreste sentito la barzelletta raccontata da uno dei vostri amici, che potrebbe avervi fatto sorridere per un momento. O ti saresti goduto di più la musica…

Ci sono spesso piccole esperienze positive che avvengono intorno a te e che probabilmente ti sfuggono perché sei troppo preso dai tuoi pensieri.

Sentirsi calmi e rilassati

La mindfulness a volte può aiutare a sentirsi più rilassati e calmi. Ma sebbene questo possa essere un benefico effetto collaterale, non è in realtà l’obiettivo della mindfulness. Gli unici obiettivi della mindfulness sono di essere nel momento presente e di essere più accettanti. E a volte, si potrebbe praticare la mindfulness e non c’è modo di sentirsi rilassati e calmi.

Diciamo che devi fare una presentazione in ufficio e parlare in pubblico ti rende ansioso. Potresti praticare la mindfulness – notando che il tuo cuore sta battendo e i tuoi palmi sono sudati, notando che stai avendo pensieri preoccupati di renderti ridicolo o che stai per dimenticare il tuo discorso. Ti stai concentrando sul momento presente, lo stai accettando… e ancora non c’è modo di sentirsi rilassati in quel momento! L’alternativa, naturalmente – non praticare la consapevolezza – spesso aumenta le emozioni dolorose che stai vivendo, perché continui a pensare il peggio di ciò che potrebbe accadere e perché non accetti l’esperienza ma la combatti, il che aumenta il tuo dolore emotivo. Quindi la mindfulness non riguarda il rilassamento.

Ma pensaci: quando sei più spesso nel momento presente, invece di essere preso dai pensieri su tutto ciò che hai in testa, probabilmente ti sentirai meno sopraffatto. Quando accetti la tua esperienza invece di giudicarla e combatterla, probabilmente ti sentirai più in pace. Quando fai un’attività alla volta invece di tre, sarai meno disperso e più concentrato. L’altra parte di questo è che spesso le attività che scegliete di fare con consapevolezza sono attività che vi aiutano a sentirvi calmi e rilassati; per esempio, leggere un libro, guardare la TV, accarezzare il cane, sdraiarsi nella vasca da bagno, fare una passeggiata o sedersi fuori.

Aumentare l’autocontrollo

Ho già detto che quando sei attento sei più consapevole dei tuoi pensieri, sensazioni fisiche ed emozioni. Quando puoi aumentare la tua consapevolezza di qualcosa, apri più scelte per te stesso – di nuovo, ti risvegli alla tua vita. Così spesso le persone attraversano la vita con il pilota automatico, permettendo solo ai pensieri e alle emozioni di portarle con sé per il viaggio. E lo fanno perché non hanno mai veramente imparato che possono prendere il controllo; che possono essere al posto di guida e dirigere dove vogliono andare e a cosa vogliono pensare.

Quando vivi la tua vita in modo più consapevole, e sei più consapevole di quello che sta succedendo dentro di te, puoi scegliere se vuoi continuare su quella strada.

Migliorare la concentrazione e la memoria

Le persone hanno spesso difficoltà di concentrazione, specialmente se c’è un problema aggiuntivo come il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD), o anche qualcosa come la depressione o l’ansia. L’abilità della mindfulness ti fa praticare la concentrazione. Riportando la tua attenzione al presente, spesso più e più volte, eserciti i muscoli della concentrazione nel tuo cervello. Col tempo, la tua capacità di concentrazione migliorerà.

Quando sei più capace di concentrarti su qualcosa, avrai una migliore memoria per essa in seguito. Hai mai camminato fino a casa da scuola e non hai avuto un ricordo di almeno una parte della passeggiata? Al giorno d’oggi, con la nostra dipendenza dagli smartphone, questo genere di cose accade spesso.

Quando la tua attenzione è divisa, non avrai una buona memoria di ciò che hai fatto. Se stai praticando la mindfulness, stai intenzionalmente facendo solo una cosa nel momento. Insomma, quando ti concentri solo su quell’unica cosa, la ricorderai più tardi, quindi la mindfulness aiuterà anche a migliorare la tua memoria.

Trovare l’equilibrio

La mindfulness ci aiuta a sviluppare qualcosa chiamato equanimità, o equilibrio – in pratica, un’uniformità o stabilità nel nostro stato d’animo, anche quando le situazioni ci causano stress o altro dolore emotivo.

Questo non significa che non reagiamo alle cose, ma che non lasciamo che le nostre reazioni ci sopraffacciano. In altre parole, proviamo ancora emozioni quando le situazioni si presentano, ma siamo in grado di accedere alla nostra saggezza interiore e vedere la situazione in modo oggettivo, il che ci aiuta a evitare di essere sopraffatti dall’emozione e di agire in modi di cui poi ci pentiamo.

Quando si pratica regolarmente la mindfulness, si sviluppa questo senso di equilibrio, in modo che anche quando la vita diventa dolorosa, si mantiene la capacità di scegliere come rispondere, piuttosto che reagire semplicemente dalle emozioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi